Estate 2020: convivere con il Coronavirus e puntare sul turismo “green wellness”

Inizia l’era dello Slow Tourism.

Probabilmente per quest’anno le nostre vacanze non ci porteranno molto lontano da casa poiché probabilmente saranno possibili spostamenti a breve e medio raggio.

Si tornerà a un turismo “lento”, un turismo fatto di soggiorni in piccole strutture ricettive che, come i Glamping, gli Agriturismi, le Country House o B&B.,  offrono grandi spazi verdi, un bassissimo numero di posti letto, cucina sana e tanta tranquillità.

Il viaggiatore post-covid 19 privilegerà piccole località che, rimaste lontane dai flussi turistici di massa, hanno conservato stili di vita autentici, più in sinergia con l’ambiente, il territorio e in armonia con la natura.

Si cercheranno luoghi da assaporare ad un ritmo più lento, muovendosi a piedi o in bicicletta, luoghi che consentano un maggiore contatto con l’ambiente naturale e con lo spirito storico-culturale di un luogo.

Turismo sostenibile e Undertourism

Questa tendenza, già identificata come “Undertourism“, privilegerà il Turismo Sostenibile rivolto a destinazioni e strutture ricettive alternative (in controtendenza all’Overtourism che caratterizzava il periodo pre-Covid-19, espressione di quel fenomeno che rendeva invivibili le destinazioni del turismo di massa, affollate da flussi incontrollati di turisti).

In tale prospettiva sostenere il turismo in campagna consentendo la riapertura per Agriturismi, Glamping – Agricampeggi, Masserie significa evitare il pericoloso rischio di affollamenti. Tali strutture sono per loro stessa natura situate in zone isolate della campagna, con un numero contenuto di posti letto e posti tavola,  con ampi spazi all’aperto e quindi sono forse i luoghi dove – in questa prima fase di ripresa – è più facile garantire il rispetto delle misure di sicurezza per difendersi dal contagio fuori dalle mura domestiche.

Vi è poi un altro aspetto da non sottovalutare e che in questi ultimi anni viene preso sempre in maggiore considerazione dai viaggiatori: stare nella Natura ci fa bene e ci fa sentire felici. Tutti abbiamo sperimentato che stare nel verde ci fa stare meglio e non si tratta solo di “suggestione”.

Il potere curativo della Natura sul nostro organismo è infatti ormai riconosciuto da molti scienziati (i primi a studiare la materia sono stati i Giapponesi, lo chiamano Shinrin-Yoku) che hanno scoperto come passare alcune ore in un ambiente naturale, con una grande concentrazione di alberi, porti a un aumento della funzione immunitaria.

Proprio quello di cui abbiamo bisogno in questo momento, un bagno nella foresta!

Quali sono i vantaggi di una vacanza a contatto con la natura?

I benefici principali della permanenza in spazi verdi si trovano:

  • nella concentrazione inferiore di cortisolo, ormone dello stress;
  • nella diminuzione della frequenza cardiaca e della pressione sanguigna;
  • nell’aumento delle cellule NK Natural Killer e delle proteine anti-cancro;
  • nel calo della iperattività con maggiore predisposizione alla riflessione, alla quiete e al riposo.

Noi del Glamping Canonici crediamo in questo potere della Natura e stiamo utilizzando questo Stop forzato per organizzare per i nostri Ospiti un percorso “Shinrin-Yoku”, un’immersione nella Natura all’interno dell’area Glamping.

Un boschetto di Quercie, Aceri, Lecci, Faggi, Platani, Carpini e Acacie dove poter passeggiare e fermarsi a respirare il profumo del sottobosco e ascoltare i suoni della Natura sarà a disposizione dei nostri Ospiti e la parola d’ordine sarà: disconnessione!

Per questo periodo particolare abbiamo pensato a dei Voucher Viaggio con un piccolo regalo per voi: venite a scoprirlo!